Le Frittelle di San Giuseppe secondo tradizione

Dolci della tradizione preparati in occasione della Festa del Papà e in onore di San Giuseppe, sposo della Vergine Maria, protettore dei lavoratori e dei poveri. 

La festa del 19 marzo coincide con la fine dell’inverno, periodo in cui si celebrano i riti di purificazione agraria attraverso grandi falò in cui vengono bruciati i residui del raccolto dei campi. Questi riti sono accompagnati da inni in onore del Santo e dalla preparazione delle famose frittelle che, pur variando nella ricetta da territorio a territorio, sono il piatto tipico di questa ricorrenza.
Altro non sono che palline di riso cotto nel latte, amalgamato con pochi altri ingredienti. Il nome stesso indica il metodo di cottura. 

Procedimento
Versare il latte in un pentolino e aggiungere zucchero e sale. Porre il pentolino sul fuoco e, arrivato a bollore, versare il riso mescolandolo con un cucchiaio di legno fino a metà cottura, quindi scolare e lasciare raffreddare su un piatto. 
Rompere le uova separando i tuorli dagli albumi. Condire il riso con la buccia grattugiata del limone, la cannella, la farina, il rum e i rossi d’uovo (a seconda dei gusti, aggiungere uvetta). Mescolare e aggiungere le chiare montate a neve. Scaldare olio abbondante in una padella e friggere il composto di riso versandolo con un cucchiaio. Quando le frittelle sono dorate, scolarle e adagiarle su un foglio di carta assorbente. Spolverarle con lo zucchero a velo et voilà… le frittelle sono pronte per essere gustate!

Ingredienti

Per 4 persone:
latte ½ litro
riso 250 gr. 
un cucchiaio di zucchero vanigliato
buccia di mezzo limone
un pizzico di sale
½ cucchiaino di cannella in polvere
un bicchierino di rum
farina 50 gr.
2 uova 
uvetta (a piacimento)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.