Covid: da Tripadvisor 900 licenziamenti

I ristoranti chiusi in tutto il mondo causa coronavirus colpiscono tutti l’indotto. E a pagare le conseguenze della crisi iniziano ad essere anche i siti legati al settore: primo tra tutti TripAdvisor. Il sito specializzato in recensioni di locali ha deciso di licenziare un terzo dei suoi dipendenti: si tratta di oltre 900 persone soprattutto negli Usa e in Canada. Ma tagli sono previsti anche in Europa. 

I tagli occupazionali, secondo quanto riporta una nota della società con base a Needham (Massachusetts), sono direttamente legati all’impatto del coronavirus sul settore turistico. 

Il cofondatore e ceo della piattaforma, Steve Kaufen, ha aggiunto che la compagnia farà ricorso alla cassa integrazione per un certo numero di dipendenti di Tripadvisor e della controllata Viator, in aggiunta alle centinaia di lavoratori di TheFork già cassintegrati in Europa. Saranno inoltre chiuse in modo permanente due sedi a Boston e San Francisco.

Nel frattempo, la controllata TheFork, specializzata sulla prenotazione online dei ristoranti, ha lanciato in Italia la sua campagna di dining bond Salviamo i ristoranti, già sperimentata in Spagna, Francia, Svizzera, Belgio e Australia. Per l’acquisto di un voucher prepagato, non verranno applicate commissioni. L’iniziativa intende sostenere la ripartenza del canale horeca, al pari dell’inserimento in piattaforma della specifica sul servizio delivery.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.