In Danimarca apre TIRPITZ il museo invisibile

Apre nella costa occidentale danese TIRPITZ, un innovativo progetto museale all’interno dello storico bunker della seconda guerra mondiale di Blåvand. Il TIRPITZ trasforma ed espande la costruzione originaria. E’ composto da quattro aree espositive all’interno in una singola struttura di 2.800 m2 e prevede di accogliere circa 100.000 visitatori ogni anno.
“TIRPITZ è un’esperienza incredibile e unica – misteriosa, sorprendente, drammatica, nascosta – quasi invisibile “, afferma Claus Kjeld Jensen, direttore Varde Museums.
Il museo infatti, si mostra come un’intersezione tra una serie di tagli netti nel paesaggio. Contrariamente alla costruzione originaria, rigida e intrusiva – semplicemente progettata come un immenso blocco di calcestruzzo – il TIRPITZ si inserisce delicatamente nella duna e si confonde con il paesaggio circostante.
All’arrivo, i visitatori vedranno prima il bunker, avvicinandosi si accorgeranno dei tagli e delle tracce che conducono verso il centro del Museo.
Le esposizioni, curate dall’agenzia olandese Tinker Imagineers, mostrano esperienze tematiche permanenti e temporanee. Ogni galleria ha il suo ritmo, un battito che segue la storia: alti e bassi, notte e giorno, buoni e cattivi, caldo e freddo, passato e presente.
Il lavori del “museo invisibile” sono iniziati nel 2014. Il progetto del celebre studio BIG-Bjarke Ingels in collaborazione con Tinker Imagineers è stato finanziato da A. P. Møller, dalla Fondazione Chastine Mc-Kinney Møller, dalla Fondazione Nordea, dalla Fondazione Augustinus e dal Comune di Varde.

 

Author: redazione

Share This Post On