Profumi e sapori dell’Emilia Romagna al Vinitaly

Si riaffaccia a Verona la più importante fiera professionale sul vino italiano al mondo, Vinitaly 2016 è alle porte e le regioni dello stivale si attrezzano e si promuovono promettendo novità per quanto riguarda la proposta di comunicazione.
I visitatori, di certo numerosissimi e molti dei quali stranieri, si attendono miglioramenti sulla qualità complessiva dei vini ma chi ha compiti istituzionali (Amministrazioni, Enoteche regionali, Consorzi) sanno che questa non deve essere disgiunta dalla promozione complessiva del territorio.
L’Emilia Romagna, nel padiglione 1, ha molto da mettere in mostra insieme ai vini che caratterizzano ogni sua provincia, la cultura del suo territorio ricco di tradizioni culinarie, artistiche, industriali, storiche, naturalistiche.
L’Assessorato all’Agricoltura ha destinato, per il 2016, la rilevante cifra di 7 milioni di euro per l’innovazione delle cantine e 6 milioni nel 2017 per la promozione nei mercati extra UE, è la 5° regione per esportazione di vini in Italia.
Nel padiglione di 4000 m2 sono a disposizione dei visitatori numerosi punti di degustazione, 500 tipologie di vini (moltissimi dei quali autoctoni), 15000 calici e alla mescita penseranno 15 sommelier dell’Enoteca regionale, oltre i tanti vitivinicoltori che presentano la loro produzione.
E’ fortissima l’offerta di prodotti a Dop e Igp (l’Emilia Romagna è la regione che ha ottenuto più registrazioni in Europa) e nel ristorante “InCantina” con accesso ad invito, saranno elaborati in succulenti piatti con le sfogline che mostreranno la loro abilità nel fare pasta fresca, in 40 fra cuochi e camerieri garantiscono il miglior servizio.
“InCantina” è il progetto iniziato a Francoforte in Germania, dove le produzioni enogastronomiche emilianoromagnole sono proposte in un ristorante, wine bar, enoteca, mettendo così a disposizione dei clienti un canale che facilita la conoscenza e l’acquisto dei prodotti. I positivi risultati raggiunti spingono a estendere l’iniziativa in Europa e oltreoceano.
L’asse della Via Emilia è il conduttore che porta il pubblico ad apprezzare i profumi e i sapori dei territori regionali nelle numerose degustazione che si susseguono nei quattro giorni di manifestazione.
Anche la tecnologia fa la sua parte con la App gratuita in italiano e in inglese “Via Emilia Wine & Food” di APT Servizi Emilia Romagna: presentata in apertura di Vinitaly e può essere utilizzata, dopo averla scaricata su smatphone e tablet, per identificare le caratteristiche dei vini, di chi li produce e dove poterli degustare nell’ambito del padiglione 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.