Il Cilento e la valle delle orchidee

Passeggiate di primavera nel Parco Nazionale del Cilento tra le prime fioriture e nella Valle delle Orchidee , più di 47 chilometri di grande bellezza verde. Lungo il percorso, si possono ammirare 180 specie diverse di orchidee selvatiche e spontanee.






 

E’ una vera enclave botanica, se si tiene conto che in tutto il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano sono presenti 254 specie di orchidee selvatiche e in tutta Europa e nel Bacino del Mediterraneo se ne registrano 319. Si giunge a quota 1.175 metri, dopo aver attraversato 5 stazioni di osservazioni di orchidee, attraversando piccole frazioni e ponti medievali.

Ci si immerge in uno straordinario scenario naturalistico ancora incontaminato, dove spiccano queste piccole orchidee dai colori bellissimi e tutto intorno faggi e le betulle bianche dell’Appennino Meridionale, risalenti all’ultima glaciazione. E alzando gli occhi non è raro ammirare il volo dell’aquila reale. Seguendo il tracciato delle orchidee, si raggiunge il borgo fantasma di Roscigno dove tutto si è fermato a due secoli fa, come una Pompei del ‘900 dove la vita si è cristallizzata nei palazzi, nella piazza, nell’antica chiesa, dove tutto è rimasto intatto, ma senza nessuno, per l’abbandono a causa delle frane.

Ora il paese torna a vivere con un piano di salvataggio che arriva dagli Usa. Roscigno per secoli è stato un paese in cammino, perché a causa delle frane, veniva spostato dagli abitanti e ricostruito sempre un po’ più a valle,con le stesse pietre delle demolizioni. E così il paese rinasceva conservando la sua storia. E così è stato fino al 1902, fino al suo totale abbandono. Ora c’è un solo abitante che racconta di questo luogo e della tenacia dei suoi abitanti. Ma Roscigno non è un semplice borgo fantasma, perché la vita continua nelle storie di quest’unico abitante che sa aspettare. E ora un programma della Regione Campania, insieme ad una serie di aiuti che arrivano dall’America, sta facendo rinascere il vecchio borgo.

“Siamo riusciti a recuperare buona parte del paese – ha affermato Armando Mazzei, sindaco di Roscigno – grazie alla Regione ed all’intervento Usa dell’Associazione degli Italo-Americani ”. Roscigno Vecchia è un paese intero da visitare: la piazza con il lavatoio, la fucina del fabbro, i casolari dei contadini, le case, i palazzi gentilizi, la fontana della Piazza e la Chiesa di San Nicola con un tavolato ligneo perfettamente conservato. Lungo i vicoli, i bellissimi portali di pietra e poi le vecchie case con le stalle e le cantine. Spaccati di vita quotidiana che hanno fatto ribattezzare Roscigno, la Pompei del ‘900, perché tutto è rimasto com’era. E tutto intorno il Parco del Cilento a circondare questo borgo segreto dove le pietre raccontano un’antica storia mai finita. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.