Bolgna rende omaggio a Balilla Pratella e ai Futuristi

Correva l’anno 1914. Filippo Tommaso Marinetti, insieme a Francesco Balilla Pratella, Boccioni, Russolo e Balla, dava vita a Bologna, nei sotterranei del Grand Hotel Majestic “già Baglioni”, a una mostra destinata a rimanere nella storia dell’arte nonostante la brevissima durata: 24 ore soltanto.
In omaggio a questo evento, all’hotel che lo ospitò e che per anni fu quartier generale del movimento futurista in città e, soprattutto, alla figura del grande musicista Francesco Balilla Pratella, giovedì 21 marzo dalle ore 18.00, appuntamento con l’aperitivo futurista e con l’attesa presentazione di Testamento, edizione integrale dell’autobiografia del maestro Pratella.
Il volume è testimonianza eccezionale e ultimo gesto del centenario del manifesto futurista, che ha rilanciato in tutto il mondo l’unica avanguardia novecentesca italiana, e narra pagine e pagine di avvenimenti e cronache di quel tempo. In particolare, si sofferma sulle vicende bolognesi, che portarono Marinetti e i suoi a risiedere volentieri nella città felsinea. Marinetti adorava alloggiare al Baglioni ed è proprio il Baglioni che divenne sede di alcune tra le serate futuriste più azzardate, proprio come la celeberrima mostra di 24 ore.
A immergere ancora di più gli ospiti nell’atmosfera piena di fascino e di energia di quegli anni di cultura vissuta tra le sale dell’Hotel Baglioni, il Caffè San Pietro, il Teatro Nuovo e il Rettorato, il barman dell’hotel preparerà aperitivi futuristi, ossia POLIBIBITE, su ricette originali di Marinetti e Fillia.

Francesco Balilla Pratella (Lugo di Romagna 1880 – Ravenna 1955) ebbe come maestro Pietro Mascagni. Tra il 1910 e il 1912 redasse i tre “Manifesti sulla Musica” del Movimento Futurista. Tra le sue opere più significative: La Sina ‘d Vargöun, L’aviatore Dro, La ninna nanna della bambola, Il Canto di Frate Sole, Nostra mêdar Rumagna. Tra i più importanti musicisti italiani del primo ‘900, assieme a Respighi, Pizzetti, Casella, Alfano, Malipiero, fu anche impareggiabile studioso del folklore.

Info: Giovedì 21 marzo – Ore 18
Ingresso libero
Grand  Hotel Majestic (già Baglioni)
Via Indipendenza, 8 – Tel 051225445
www.http://grandhotelmajestic.duetorrihotels.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.