Meglio delle previsioni il 2012 delle compagnie aeree

Secondo la Iata i dati di preconsuntivo delle compagnie aeree indicano un netto rialzo rispetto ai pronostici di giugno scorso: 4,1 miliardi di dollari di utili anziché 3 miliardi. Tutto merito della capacità, da parte dei vettori, di riorganizzarsi, di investire nel rinnovamento delle flotte, in una maggiore efficienza e gestendo con oculatezza la capacità e il consolidamento.
Per quanto riguarda il 2013, la Iata stima profitti sino a 7,5 miliardi di dollari con un incremento sul 2012, ma sempre al di sotto dei risultati realizzati nel 2011.
Sul fronte europeo, le compagnie aeree stanno, tuttavia, registrando la più grande perdita rispetto ad altre macroaree: 1,2 miliardi di dollari, meno rispetto agli 0,1 miliardi stimati in precedenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.