I 26 nuovi siti Unesco

Ci sono il World Heritage, Rio e Rabat, le splendide falesie sul fiume Lena in Siberia (Foto), i laghi nel deserto del Ciad tre le nujove aree di maggior interesse culturale proclamate dall’Unesco. Ma nessuna di loro è in Italia.
Sono 26 i nuovi siti Unesco che vanno ad aggiungersi agli 890 già iscritti nella Convenzione dell’Unesco del 1972.


Lo status è stato riconosciuto anche all’ex miniera di carbone di Bois du Cazier, nei pressi della cittadina belga di Marcinelle, tristemente famoso per la tragedia nella quale, l’8 agosto del 1956, persero la vita 262 minatori, 136 dei quali italiano. Marcinelle ha ricevuto il riconoscimento insieme ad altri tre siti minerari situati in Vallonia, la regione francofona del Belgio, testimonianza dell’era del carbone in Europa: Grand-Hornu, Bois-du-Luc, Bois du Cazier e Blegny-Mine, le aree meglio conservate in Belgio
Anche il Teatro dell’Opera di Bayreuth, la città che ospita ogni anno il festival wagneriano, è entrata nella lista dei siti classificati dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. “Un monumento unico” della cultura del festival europeo di musica barocca”, si legge nel comunicato dell’organizzazione Onu: entrarvi è “come fare un salto indietro nel tempo, all’epoca dell’ultimo barocco”. Il teatro si trova ad appena un chilometro dal Festspielhaus che ospita ogni anno il festival della musica di Richard Wagner, ed è il 37esimo sito tedesco a entrare nella lista Unesco, facendo della Germania uno dei Paesi più presenti.
A sorpresa, anche Rio de Janeiro ha ottenuto il riconoscimento. “Il risultato è la consequenza di uno studio minuzioso dell’Istituto del Patrimonio Storico e Artistico nazionale – spiega il ministro della Cultura Ana de Hollanda – nel quale si è valutata la forma creativa con la quale gli abitanti si sono adattati alla topografia eccezionalmente bella e irregolare della città, inventandosi modi inediti di usufruire della vita”.

La lista completa dei siti:
Site of Human Evolution at Mount Carmel : The Nahal Me’arot/Wadi el-Mughara Caves (Israel) Birthplace of Jesus: the Church of the Nativity and the Pilgrimage Route, Bethlehem (Palestine) Rock Islands Southern Lagoon (Palau) Cultural landscape of Bali: the Subak system as a manifestion of the Tri Hita Karana philosophy (Indonesia) Rabat, modern capital and historic City: a shared heritage (Morocco) Grand Bassam (Côte d’Ivoire) Site of Xanadu (China) Bassari country: Bassari, Fula and Bedik cultural landscapes (Senegal) Pearling, testimony of an island economy (Bahrain) Masjed-e Jamé of Isfahan (Islamic Republic of Iran) Archaelogical Heritage of the Lenggong Valley (Malaysia) The Landscape of Grand Pré (Canada) Heritage of Mercury (Almdén and Idrija (Slovenia/Spain) Margravial Opera House Bayreuth (Germany) Garrison Border Town of Elvas and its Fortifications (Portugal) Nord-Pas de Calais Mining Basin (France) Major mining sites of Wallonia (Belgium) Decorated farmhouses of Hälsingland (Sweden) Rio de Janeiro, Carioca Landscapes between the Mountain and the Sea (Brazil) Lakes of Ounianga (Chad) Sangha Trinational (Cameroon, Central African Republic, Congo) Chengjiang Fossil Site (China) Western Ghats (India) Lena Pillars Nature Park (Russian Federation)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.