Due notti di grande Jazz a Comacchio

Sessanta musicisti, dodici concerti, due notti di musica dal vivo per far rivivere a Comacchio il secolo del jazz. Nei giorni 21 e 28 luglio la città si trasforma nel grande palcoscenico di  Tutte le Strade Portano al Jazz , storia vivente di un genere, che ha attraversato il ventesimo secolo ed Ë entrato nel Terzo Millennio senza mostrare segni di stanchezza. La seconda edizione della manifestazione ideata dal sassofonista Beppe Boron, organizzata dall associazione culturale Cantieri Creativi, promossa dal Comune con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Ferrara, Ë dedicata alla canzone e alle influenze che ha avuto nella storia del jazz.
L ‘edizione 2012, intitolata  …la via della Canzone  dal direttore artistico, il musicologo Luca Bragalini, si svolge in due tempi e si sviluppa secondo 12 capitoli sonori rappresentativi di altrettanti stili jazzistici, affidati nell’esecuzione alle formazioni musicali invitate. Le formazioni sono nate dalla collaborazione con i conservatori di Ferrara, Adria, Rovigo e Vicenza i cui migliori musicisti partecipano alla realizzazione dei concerti storici indicati.
Tra gli eventi del festival sono da ricordare la conferenza introduttiva all edizione 2012 di Tutte le Strade Portano al Jazz, del direttore artistico, il musicologo Luca Bragalini; la mostra del fotografo Luca Pasqualini, un racconto per immagini del viaggio musicale 2011 allestito a Palazzo Bellini, in via Agatopisto 7; i piccoli ospiti della manifestazione possono ascoltare dalla voce dell attore Marcello Brondi alcune letture di teatro ragazzi, che descrivono in modo divertente il rapporto tra le musiche dei cartoon e il jazz.
In caso di pioggia i concerti si terranno nella Sala Teatro di Palazzo Bellini in Via Agatopisto, 7

Programma

Cinque piccoli palchi trasformati in  stazioni  di un diverso periodo e stile jazz ospitano un concerto ogni 20 minuti. Sono le  fermate  del percorso in due tempi. Ogni tappa, come il quadro di un’esposizione, sar‡à accompagnata dalla propria didascalia con la spiegazione del singolo  viaggio  nel jazz.
Il primo itinerario (21 luglio) va alle radici del Blues, tocca Tin Pan Alley e i grandi maestri da Irvin Berlin a George Gershwin a Cole Porter fino alle fastose atmosfere di Broadway. La serata chiude con un concerto nella suggestiva piazza Trepponti, dove dal palco affacciato sul canale, l ‘Orchestra Maniscalchi propone la grande musica italiana dagli anni ’20 ai ’40, anch’essa fortemente influenzata da ciÚ che avveniva oltreoceano.
Il secondo itinerario (28 luglio), vede protagonisti il grande schermo e le sue colonne sonore, i commenti musicali dei cartoons di Walt Disney, l ‘interpretazione in chiave jazz di autori italiani come Luigi Tenco e Gino Paoli, che hanno ispirato jazzisti di differenti nazionalit‡, le canzoni anni  40 e  50, i brani di popolari musical e della musica leggera internazionale. L ‘ esplorazione  si conclude in piazza Trepponti con il concerto di una big band, chiamata a riassumere le tappe dell intero percorso della serata.

Orari: 18.30-24.00

Tariffe: Ingresso libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.