Soggiorni al mare: ecco dove si paga la tassa

Quest’anno molte località marittime hanno deciso l’inserimento della tassa di soggiorno, creando non pochi malumori agli operatori turistici ed ai turisti.
Pertanto la Tassa di Soggiorno, considerata da molte Amministrazioni Comunali come l’ultima opportunità a loro concessa per “fare cassa”, permette agli stessi Comuni di far pagare ai turisti che soggiornano nelle strutture ricettive della località sino a 5 euro per ogni notte di soggiorno.
Tra le 15 Regioni che si dividono i 7.458 km di costa italiana, solo tre sono quelle virtuose – con TAX FREE garantito – vale a dire quelle dove per trascorrere una vacanza al mare quest’estate non si pagherà la tassa di soggiorno (salvo ripensamenti all’ultimo minuto) – e sono l’Emilia Romagna, l’Abruzzo ed il Friuli Venezia Giulia.
Queste le destinazioni balneari italiane dove andare al mare quest’anno sarà un po’ più caro:
∑    la destinazione veneta di Cavallino Treporti (la tassa è entrata in
vigore il 1 maggio 2012),
∑    Sperlonga, in provincia di Latina (Pasqua del 2012), Fiumicino-Fregene (dal 1 marzo 2012), Terracina (1 giugno 2012) e Fondi (1
aprile 2012), sempre in Lazio;
∑ Capri, Sorrento (1 gennaio 2012) e Ravello (1 aprile 2012) in Campania;
∑    otto località pugliesi, vale a dire Salve (1 luglio 2011), Vieste, Lesina, Mattinata e Rodi Garganico (l’imposta è entrata in vigore dal 1 gennaio 2012) e le salentine Otranto (4 luglio 2011) e Ostuni (1 aprile 2012) e Melendugno (1 giugno 2012);
∑ Villasimius in Sardegna (1 luglio 2011), unitamente a Pula (1 aprile 2012);
∑ Cefalù (1 luglio 2012), San Vito lo Capo (1 giugno 2012), nel trapanese, in Sicilia;
∑ le marchigiane Senigallia (1 maggio 2012), Grottammare (1 luglio 2012) e San Benedetto del Tronto (15 giugno 2012);
∑ una località lucana, Maratea, che partirà con l’imposta dal 1 giugno 2012;
∑ Pietrasanta (1 giugno 2012), San Vincenzo, (1 maggio 2012), Piombino (1 aprile 2012), Capraia (1 aprile 2012), Bibbona (1 giugno 2012), Castagneto Carducci (1 maggio 2012), Rosignano Marittimo (14 maggio 2012) in Toscana, provincia di Livorno;
∑    le destinazioni calabresi: Cassano allo Ionio (20 giugno 2011), Mandatoriccio (1 luglio 2011), Squillace (6 luglio 2011), Rossano (1 gennaio 2012) e Acquappesa (1 giugno 2012);
∑ in Liguria: Framura (1 luglio 2011) – (oltre ai capoluoghi La Spezia e Genova).

Per i Comuni del Molise la situazione è ancora in ballo. Questa la mappa delle località balneari dove quest’estate si pagherà l’imposta di soggiorno, considerando che – avendo tempo i Comuni sino a fine giugno per l’approvazione del bilancio previsionale – non mancheranno tasse “last minute” da parte di alcuni Comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.