I parchi naturali australiani oasi per la fauna

Le vacanze nei parchi naturali sono sempre più in voga e appassionano sia i giovani che le famiglie.
L’Australia non ha niente da invidiare a nessun’altra zona del mondo per ciò che riguarda i suoi parchi e le sue riserve, dove si realizzano programmi avanzatissimi di protezione della flora e della fauna locale, ma si incentiva allo stesso tempo il coinvolgimento dei visitatori. Una delle più note aree di conservazione del patrimonio naturale australiano è sicuramente quella situata a Phillip Island. L’isola si trova a soli 140 chilometri a sud est della città di Melbourne, nella regione del Victoria, e per la sua posizione favorevole è molto frequentata da turisti ed appassionati che vogliono vivere un’esperienza unica a contatto con la natura incontaminata.
Il Phillip Island Nature Park, creato nel 1966, è di proprietà del governo di Victoria. 1805 ettari dedicati allo studio e alla conservazione di koala, pappagalli, pinguini, opossum e ogni altra specie vivente a rischio di estinzione che abiti l’isola. Il parco si autofinanzia anche grazie a programmi studiati ad hoc per coniugare un costante afflusso turistico con una partecipazione volontaria alle numerose attività di salvaguardia ambientale.
Saving Australia’s Wildlife è uno di questi progetti turistico-educativi, dedicato a gruppi di studenti e, in generale, a chiunque sia interessato a partecipare attivamente alle attività del parco. Il programma ha l’obiettivo di mettere i visitatori in contatto diretto con gli animali nativi dell’Australia, tra cui i famosi pinguini minori blu (Eudyptula minor), i koala, gli opossum, i pappagalli dal ventre arancione e molti altri.
Il programma si articola in una giornata di visita e lavoro, tra la Churchill Island Heritage Farm, il Koala Conservation Center e le spiagge della famosissima Penguin Parade, la sfilata dei pinguini che al tramonto tornano alla colonia dopo una giornata di pesca.  Niente a che vedere con una visita ad uno zoo: si osservano gli animali nel loro habitat naturale, si offrono loro germogli di eucalipto, si estirpano le erbe infestanti e si piantano al loro posto le  specie autoctone. Prima del tramonto, i visitatori sono guidati dai ranger e volontari alla costruzione di nidi per i volatili protetti del parco, che vengono poi posizionati all’interno della riserva.
Le testimonianze di coloro che hanno partecipato a queste attività sono entusiastiche. Molte persone viaggiano in Australia per vedere canguri, koala e centinaia di altri animali, ma poche hanno il privilegio di nutrirli, costruire case per loro e contribuire alla salvaguardia delle specie in pericolo. Un’esperienza unica, non in Australia, ma dentro l’Australia.
Tra coloro che hanno già partecipato a questo genere di attività c’è Alessandro Ossola, laureato in Analisi e Management delle Risorse Naturali con l’ambizione di diventare un ranger: “Ho lavorato al Phillip Island Nature Park svolgendo una serie di attività come la rivegetazione, la costruzione dei nidi per i pinguini la rimozione delle weed e molto altro! L’esperienza è stata fantastica al punto tale da decidere di trasferirmi a breve in Australia per almeno tre anni, per seguire un dottorato di ricerca in ecologia all’Università di Melbourne.”
Per maggiori informazioni sul programma: www.visitphillipsisland.com e www.penguins.org.au.
Per prenotare un gruppo per il programma Saving Australia’s Wildlife: marketing@penguins.org.au – +61 3 5951 2820.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.