Alitalia-Wind Jet: più concentrazioni, meno mercato?

Il Gruppo Alitalia ha firmato il contratto per l’acquisizione delle attività della compagnia Wind Jet relative al trasporto passeggeri di linea.

“Con questa operazione – si legge in una nota – il Gruppo Alitalia mira ad acquisire il know-how specialistico sviluppato da Wind Jet nel settore dei voli a basso costo, completando ed arricchendo il proprio portafoglio di prodotti e competenze. 

Ciò consentirà di diversificare ulteriormente l’offerta del Gruppo in linea con quanto già avviato con il progetto Air One e, in particolare, di proporre al mercato una nuova e più ampia offerta, italiana e di qualità, di voli low cost”.

Tutto bene, ma siamo sicuri che questo sia nell’intereSse dei passeggeri?

E’ vero che Alitalia ha anche confermato che, alla scadenza del 31 marzo scorso, con la compagnia Blue Panorama non è stato raggiunto un accordo in merito al progetto di integrazione. Ma era in campo anche questa ipotesi di accorpamento che, se raggiunta, avrebbe dato vita, di fatto a un gruppo ecrtamente pià forte e diversificato, ma anche sempre più monopolista nei cieli italiani. E se questo può essere un bene per il rafforzamento del nostro maggior vettore, non è detto che sia un bene anche per i passeggeri.

Wind Jet è cresciuta negli anni con servizi a prezzi estrememente contenuti. Resta da vedere se lo stesso continuerà ad avvenire anche ora. E’ quello che, in fondo, interessa a chi viaggia per lavoro o per turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.